VIA DELL'AGAVE

I RIFIUTI METTONO IN GINOCCHIO L' ITALIA

La raccolta differenziata è poco praticata in Italia e in particolare nel Sud, infatti proprio in questi giorni è scoppiata una vera e propria “emergenza rifiuti” in Campania.

L’ ex-capo della Polizia, De Gennaro, è stato incaricato per fronteggiare questa emergenza che lui vorrebbe risolvere attraverso l’ apertura di tre discariche; ma la popolazione è stanca di sentire false promesse e si sta ribellando!

La raccolta differenziata, come già detto, è poco praticata in Italia tanto che il 74% dei rifiuti viene buttato nelle discariche, mentre solo il restante 26% viene usato per la raccolta differenziata.

La raccolta differenziata, a seconda dei vari tipi di materiale, può avvenire in vari modi:

Il VETRO viene frantumato e fuso per produrre altro vetro

La CARTA viene compressa e impastata per produrre altra carta e cartone

La PLASTICA viene compressa e frantumata per produrre giochi e panchine

Le LATTINE vengono pressate e fuse per produrre barre di alluminio.

 

Purtroppo anche in Sicilia la raccolta differenziata è poco praticata.

Infatti solo il 6,7% dei siciliani  fa la raccolta differenziata….il restante 93,3% non la fa!!

In questi giorni però nei saloni della CGIL  a Catania si è svolta un’ assemblea -insieme alle associazioni ambientaliste e ai comitati cittadini- contro la costruzione di nuovi inceneritori ( dove finiscono i rifiuti indifferenziati del sacco nero) e a favore  della raccolta differenziata, che nell’ arco di dodici mesi potrebbe essere praticata dal 50% della popolazione siciliana.

 

Allora tocca a NOI!  Diamoci da fare e iniziamo la RACCOLTA DIFFERENZIATA!!

Gulotta Antonio, I C (scuola media)

CATANIA E LA SUA STORIA

Catania sorge sulla costa orientale della Sicilia,ai piedi dell’Etna.

È  una città  che offre diversi paesaggi: dalla montagna al mare,dalla pianura alla collina,fiumi e laghi. Secondo uno storico greco,il suo nome deriva da “Katane” che vuol dire grattugia, secondo altri è un miscuglio tra “katà” e “Etnea”.

Catania fu dominata prima dai greci poi dai romani,successivamente, dalla caduta dell’impero romano fu conquistata dagli ostrogoti, poi dagli arabi,dai normanni,dagli svevi e dagli angioini. Nel 1282 passò agli aragonesi diventando capitale del regno di Sicilia. In seguito passò sotto i domini spagnolo,piemontese e borbonico e nel 1860 Catania iniziò a far parte del Regno d’Italia.

A causa dei terremoti che hanno distrutto la città, sono poche le opere rimaste del periodo greco romano. Al centro di Piazza Duomo c’è il simbolo della città, un elefante,”u liotru”,costruito in epoca romana tutto in pietra lavica.

La leggenda dice che Catania sia stata distrutta sette volte. Grazie all’architetto Giovan Battista Vaccarini la città è stata ricostruita, in prevalenza in stile barocco e tra i monumenti principali possiamo ricordare la Cattedrale di Sant’Agata.

Sant’Agata è la patrona di Catania, alla quale,ogni anno,viene fatta una spettacolare festa in suo onore,della durata di tre giorni. Nei  giorni 4 e 5 febbraio il busto della Santa viene portato su un fercolo, “ a vara”, per le vie della città e tirato da migliaia di devoti che indossano il tradizionale  “ sacco” bianco attraverso due cordoni lunghissimi. Sono scene bellissime e commoventi, momenti che i catanesi portano nel cuore e ogni anno rivivono con  piacere. Davanti alla processione ci stanno 11 candelore,manufatti stile barocco, molto pesanti,che rappresentano gli antichi mestieri cittadini e sfilano con un’ ”annacata” e portate da uomini con la sola forza fisica. Le vie della città sono adornate di luci,bancarelle con dolci,palloncini e si riempiono di gente che si sposta per la città.

Poi ci sono diversi momenti di grandi fuochi d’artificio che illuminano il cielo di  Catania con mille colori!

 

ELENA FICHERA -GIUSY BALBO -

JESSICA SANFILIPPO -DESIREE SCIUTO

II B ( scuola media )

Poesie...

 

L'AMORE

…..quando stai con lui ti sembra di stare in cielo,come se lui fosse la luna e tu la stella polare la più vicina a lui…quando tutto finisce ti sembra di stare sotto terra con una piccola fessura,da dove si vede la luna”lui”….e pensi a tutti i vostri momenti passati insieme e che non vorresti mai più dimenticare!!

TI AMO ANCORA

                                                                                       

Chissà dove stai,chissà cosa stai facendo,già ti sto immaginando chiuso in camera a navigare nei tuoi pensieri…Sai,durante la notte i miei pensieri si accumulano e vanno a formare un sogno che ha come protagonista te….In questo sogno ho creato un posto tutto nostro dove pensare,stare insieme,cercare il senso delle cose…Siamo solo noi due…Io spero che un giorno cercherai questo posto meraviglioso,e chissà se,frugando bene troverai anche me! Ti amo…

HO VOGLIA DI TE

Ho bisogno di un tuo sorriso ma tu lo stai regalando a qualcun’altra. Ho bisogno di vederti,ma in questi giorni non ti ho incontrato. Ho freddo  ma non ci sei tu a riscaldarmi. Ho bisogno di un tuo abbraccio ma ormai non è più possibile…Ho bisogno di sapere se ci sei ancora per me,ma so che tu mi hai  dimenticata. Ho bisogno che tu mi dicessi ancora una volta “sei speciale”, ma non potrò più sentire la tua voce meravigliosa….Con tutto questo voglio dirti che ho voglia  di amare,di essere amata,ho voglia di sogni,ma soprattutto ho voglia di stare con te……

ELENA FICHERA-JESSICA SANFILIPPO -GIUSY BALBO -DESIREE SCIUTO II B ( scuola media )

  Lo sport nella nostra scuola

Intervista al Prof. Antonio Melissa

“Per la corsa campestre i nostri alunni si sono piazzati benissimo dal 6° al 20° posto delle categorie maschili e femminili.

Nei mesi successivi si svolgeranno le gare di atletica leggera e le partite di calcio/Pallavolando  per i giochi della gioventù.

La scuola parteciperà anche al Trofeo M. Nicotra forte del terzo posto raggiunto lo scorso anno.

Oltre a questo è in corso il 6° torneo dell’amicizia di calcetto tra le nostre classi delle medie.

                                                                                                     ORAZIO GRASSO

                               ANTONINO GULOTTA

I C ( scuola media)

Rugby a Librino, sport civico per sentirsi “aperti” e liberi

 

Iscrizioni gratuite per i ragazzi dagli 8 ai 12 anni: allenamenti nella struttura di viale San Teodoro martedì e mercoledì dalle 16 alle 18.30.

 

Il rugby è uno sport fondato sul puro divertimento, sull’onore riservato all’avversario, sulla lealtà, sul senso di squadra, sulla coesione del gruppo.

Un gioco che sta vivendo un momento di particolare popolarità, grazie al Torneo delle 6 nazioni ( Inghilterra, Scozia, Galles, Irlanda, Francia e Italia ), alle “haka” degli All-blacks neozelandesi, ai calci piazzati dell’ inglese Wilkinson, al fair-play mostrato da vinti e vincitori in uno sport duro.

Forse anche per questi valori il rugby ha trovato spazio a Librino, grazie all’ A.s.d. Briganti Librino.“Ci ritroviamo presso la struttura sportiva San Teodoro il martedì e mercoledì dalle 16.30 alle 18.00. un gran risultato dopo un lungo peregrinare per parcheggi e aree disastrate del quartiere. Per adesso ci accontentiamo dei turni per sfruttare il campo di calcio” ci dice Piero Mancuso, direttore dell’ associazione. “Speriamo che sia fatto di tutto per completare il campo di rugby all’interno dell’impianto, ridotto a un cumulo di pietre ed erbacce. Il nostro sogno è riuscire a portare i ragazzi di Librino a giocare, a maggio, a Treviso, al più importante trofeo rugbystico nazionale. In bus o in treno.

 

Abbiamo già quantificato la spesa, speriamo di ottenere contributi, pubblici e privati. Al di là del profilo sportivo sarebbe il modo per consentire ai piccoli librinesi di superare i margini del quartiere e della città”.

 

Per chi volesse provare a giocare a Rugby, ogni martedì parte dalla nostra  scuola un pulmino alle 16.15 e  ritorna alle 18.30.

Il costo del pulmino è di 5 euro al mese da pagare alla signora Ferrelli che vi accompagnerà.

Chi volesse può recarsi , con propri mezzi,  al campo di viale San Teodoro ( Librino ) e chiedere di Piero Mancuso.

L’ orario d’ allenamento è 16.30-18.00 il martedì e il mercoledì.

Per ulteriori informazioni contattare il 333 4386674 ( Prof. ssa C. Urzì )

 

Prof.ssa Claudia Urzì

PER UNA SANA ALIMENTAZIONE

Il corpo umano viene paragonato a una macchina che e' sempre in funzione.

Infatti,proprio come una macchina ,ha bisogno di energia ,che si ricava dagli alimenti.

Gli alimenti sono costituiti da sostanze complesse ,che il corpo trasforma in sostanze piu' semplici:sono I PRINCIPI NUTRITIVI:

Gli zuccheri

Le proteine

I grassi

I sali minerali

L'acqua

Un’alimentazione e' dunque equilibrata quando comprende alimenti che permettono di assumere tutti i principi nutritivi.

I principi nutritivi in grado di fornire energia immediata sono i glucidi (zuccheri) però bisogna stare attenti perchè se vengono introdotti molti glucidi che poi non vengono utilizzati si accumulano nel tessuto adiposo.

Si trovano nei:

cereali, legumi e  patate.

Mentre un consiglio per tutti i bambini è quello di mangiare molte proteine, importantissime durante l'infanzia e l'eta' dello sviluppo.

Si possono trovare nei:

cereali,legumi,carne,pesce,uova,latte e formaggi.

 

Le vitamine piu' importanti che conosciamo sono:

VITAMINA .A che si trova nel fegato, burro e latte

VITAMINA .B che si trova in tutti gli alimenti.

VITAMINA .C che si trova negli agrumi, kiwi, fragole e pomodori.

Gli alimenti che contengono maggior quantita' di vitamine sono la frutta e la verdura.

Un altro consiglio e' quello di evitare di

assumere troppe calorie:

troppe proteine  

troppi zuccheri

non abusare dell'uso di alcolici

non saltare i pasti e fare una prima colazione ricca e bilanciata!

 

 

 

Melania Fichera e Marica Torrisi

I A ( scuola media )

 

I  nemici del fegato

Sapete quali sono i nemici del fegato?  I cibi grassi e zuccherati.

8 milioni di italiani presentano danni epatici piu' o meno gravi .

15 milioni hanno problemi di digestione e 1 italiano su 7 si lamenta di dolori allo stomaco addirittura per tutto l'anno.

Il 5% si rivolge ad un medico.

A dare l'allarme sono stati i medici riuniti a Napoli per il 12 congresso nazionale della federazione italiana della malattie digestive ,che hanno auspicato maggiore attenzione  all'alimentazione in vista della Pasqua e dei suoi eccessi gastronomici.

Anche i bambini sono a rischio : il 20% di loro ,infatti ha tracce di danni al fegato causati dall'alimentazione non corretta; fra i bambini obesi si arriva addirittura al 50% !

Le accuse ricadono sulle bevande ricche di fruttosio che i ragazzi molto spesso sostituiscono con l'acqua ( vedi bevande in lattina! )

I consigli da seguire sono: fare  una regolare  attività fisica  , stare attenti alle porzioni troppo abbondanti  e nutrirsi di frutta e verdura.

Melania  Fichera e Marica Torrisi

I A ( scuola media )

Cara posta del cuore sono Martina. Per me festeggiare S.Valentino e’ ancora presto. Però mi piace tanto un ragazzo che frequenta la 2^ media, che devo fare ?

-Cara Martina in amore l’età non conta e se ti piace questo ragazzo fatti avanti.!  Ciao.

 

Ciao sono un ragazzo di dieci anni , sono basso, un poco robusto, e ho i capelli e gli occhi castani. Mi piacerebbe fare amicizia con bambine della mia età puoi aiutarmi ?

Carissimo ragazzo ti volevo dire che la vera bellezza e’ quella interiore, abbi fiducia in te e potrai  fare amicizia con queste ragazzine. Ciao.

Cara posta del cuore ciao sono Nino e volevo dirti che ho lasciato la mia ragazza perché mi faceva ingelosire, cioè mi tradiva . Secondo voi ho fatto bene ?

Carissimo Nino per noi hai fatto bene, perché non è giusto che la tua ragazza non abbia avuto rispetto nei tuoi confronti.

Cara posta del cuore sono Gaetano e ho una ragazza di nome Chiara che si comporta male con me e volevo chiederti se mi ama davvero!-

-Caro Gaetano noi della posta del cuore ti consigliamo di fare questa domanda a Chiara, ciao.

 

A cura di tutta la Redazione

 

PAGINA D’ INFORMAZIONE ALLA SCUOLA

Con la scuola “A.Musco”, nel mese di Dicembre, abbiamo effettuato una gita a Mineo. Questa gita consisteva nel vedere 12 presepi uno diverso dall’altro. L’ultimo presepe è  stato il più bello di tutti e descriveva la piazza più importante di Mineo. La particolarità di questo presepe era che i palazzi sembravano veri e le persone erano così realistiche che siamo rimaste sorprese! Nel fiume c’erano tante monetine, tanti centesimi. Il signore che lo aveva fatto era molto gentile e pure la moglie. Dopo abbiamo mangiato il panino e ci siamo comprate tante frittelle,e infine siamo ritornati a casa. È  stata una gita meravigliosa.

I presepi di Mineo sono stati molto belli ma non come il presepe vivente che hanno fatto le maestre della scuola materna della Musco.  Nel presepe vivente ogni alunno ha fatto una parte: chi faceva la pecora,chi faceva il pastore,chi cucinava,chi tesseva la lana; c’era anche il fornaio e chi faceva Giuseppe e Maria.  Quest’ anno il presepe era molto bello, proprio come piace a noi e non avevamo mai visto un presepe così bello… Siamo state molto contente perché questo presepe  non era  come  gli altri che  abbiamo visto, infatti  in questo a posto delle statuine c’erano personaggi vivi. 

 

NATALE A SCUOLA

 

Le docenti della scuola dell'infanzia, con la collaborazione di sedici stagiste dell'Anfe, insieme a tutti i bambini, hanno ricreato nei locali di piano terra la vita di duemila anni fa'. Uno degli aspetti più significativi di questo presepe era la rappresentazione, quanto più fedele possibile, delle tradizioni e della vita di quel tempo. Il viaggio fino alla grotta di Gesù Bambino era percorso grazie alla narrazione dell'insegnante che munita di lanterna accompagnava i visitatori attraverso le varie botteghe dove ogni gruppo di bambini era impegnato in varie attività.

                                                                                                            Concetta Fichera 5C

RIDIAMOCI SU

CI SONO DUE MARESCIALLI, UNO DICE: "GUARDA CHE STUPIDO IL MIO CARABINIERE, GLI HO DATO UN EURO E GLI HO DETTO DI ANDARE A COMPRARE LA MACCHINA E LUI MI HA RISPOSTO DI SI E CHE SAREBBE TORNATO SUBITO”.

L’AMICO MARESCIALLO PARLA DEL SUO CARABINIERE DICENDO “ANCHE LUI E’ STUPIDO, GLI HO DETTO DI ANDARE A CASA MIA E VEDERE SE IO SONO DENTRO E MI HA RISPOSTO VA BENE!”.

I CARABINIERI S’INCONTRANO E UNO DICE: “IL MIO MARESCIALLO MI HA DETTO PRENDITI UN EURO E COMPRAMI LA MACCHINA.. MA SE LA DOMENICA SONO CHIUSI COME CI VADO ?”.

ASCOLTA INVECE COSA MI HA DETTO IL MIO MARESCIALLO: “VAI A CASA MIA E VEDI SE CI SONO..”

“MA NON ERA PIU’ FACILE CHIAMARLO A CASA ?”.

Concetta Fichera 5C