Mený Principale
· Home
· Album
· Archivio articoli
· Argomenti
· Calendario
· Cerca
· Contatta l'Amministratore
· Contenuti
· Downloads
· Enciclopedia
· Giochi
· Invia News
· Links a siti utili
· Passaparola
· Profilo Utente
· Sondaggi
· Statistiche
· Top 10
Calendario Eventi
Ottobre 2018
  1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
Nessun evento oggi.

Suggerisci un evento Suggerisci un evento
Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.
Cerca nel sito


In Primo Piano
Nuova pagina 1

· Bullismo e cyberbullismo

Archivio di "In primo piano"

 

La Scuola
Nuova pagina 1

Uffici Amministrativi

Conto consuntivo 2009

Graduatorie d'istituto

Messa a disposizione infanzia

Messa a disposizione primaria

Orario Ata e Coll. Scol.

Utilitŗ e Servizi
Meteo
Rubriche
Nuova pagina 1

Le parole della scuola

Salute

Sicurezza in internet

Spigolature
Chi Ť in linea
In questo momento ci sono, 92 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui
Nucleare
ambiente ed ecologia

Ce l'hanno fatta: il primo esperimento pubblico di Yoshiaki Arata di Condensed Matter Nuclear Science, meglio nota come fusione fredda è stato un successo. Poche ore fa all'Università di Osaka è stata dimostrata, di fronte a un pubblico qualificato, la realizzazione di quello che viene definito ormai "Arata Phenomena". La prova è stata compiuta facendo diffondere Deuterio gassoso su una matrice a struttura nanometrica di 7 grammi composta per 35% di palladio e per il 65% di ossido di zirconio alla pressione di 50 atmosfere, la metà della pressione di una idropulitrice per autolavaggio. Il calore, prodotto fin dall'inizio, e cioè in concomitanza dell'immissione del Deuterio, ha azionato un motore termico che si è messo in moto cominciando a girare.
Dopo circa un'ora e mezzo l'esperimento è stato volutamente fermato per effettuare le misure della presenza di Elio-4 a testimonianza dell'avvenuta fusione. Non sono state evidenziate emissioni di origine nucleare pericolose ( l'elio-4 è inerte). L'energia riscontrata è stata circa di 100.000 Joule, equivalente grosso modo a quella necessaria per riscaldare di 25 gradi un litro di acqua ( si tenga presente la modesta quantità della matrice nanometrica, 7 grammi). Quanto all'Elio, la quantità è assolutamente confrontabile e compatibile con l'energia prodotta, ed è la firma inequivocabile dell'avvenuta fusione nucleare. Al di là delle quantità misurate, si apre ora un capitolo nuovo nella comprensione dei comportamenti e delle reazioni che hanno luogo nella materia condensata, comportamenti che sembrano differire dai modelli fin qui seguiti dalla fisica nucleare classica.

A partire da oggi inizia un'altra fase, altrettanto delicata, legata principalmente a due fatti: la ripetizione dell'esperimento con una quantità maggiore di Palladio-Zirconio per ottenere quantitativi maggiori di energia; l'estrazione dalla matrice dell'elio senza danneggiarla e poterla così riutilizzare.

Postato il Thursday, 22 May 2008 ore 23:21:20 CEST di adriana
 
Links Correlati
· Inoltre ambiente ed ecologia
· News by adriana


Articolo più letto relativo a ambiente ed ecologia:
L'uomo che non butta via niente

Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico

Argomenti Correlati

ambiente ed ecologia