Menù Principale
· Home
· Album
· Archivio articoli
· Argomenti
· Calendario
· Cerca
· Contatta l'Amministratore
· Contenuti
· Downloads
· Enciclopedia
· Giochi
· Invia News
· Links a siti utili
· Passaparola
· Profilo Utente
· Sondaggi
· Statistiche
· Top 10
Calendario Eventi
Dicembre 2017
  1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
 Oggi:
 Musidoc al Sangiorgi

Suggerisci un evento Suggerisci un evento
Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.
Cerca nel sito


In Primo Piano
Nuova pagina 1

· Bullismo e cyberbullismo

· Archivio di "In primo piano"

 

La Scuola
Nuova pagina 1

Uffici Amministrativi

· Conto consuntivo 2009

· Graduatorie d'istituto

· Messa a disposizione infanzia

· Messa a disposizione primaria

· Orario Ata e Coll. Scol.

Utilità e Servizi
Meteo
Rubriche
Nuova pagina 1

· Le parole della scuola

· Salute

· Sicurezza in internet

· Spigolature
Chi è in linea
In questo momento ci sono, 59 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui
Educare male
educazione

Un argomento di cui si è parlato molto in questo periodo è stato quello del comportamento dei giovani: si va dalla generica maleducazione, lamentata spesso dagli adulti e dagli anziani, come riporta la stessa testimonianza della lettera scritta da Andrea Amaduzzi, pubblicata sul quotidiano “La Repubblica”, alla mancanza di rispetto per le persone e le norme sociali di comportamento fino ad episodi di violenza e bullismo che diventano reati veri e propri. Su questo tema si sono cimentati sia Corrado Augias, corrispondente del giornale “La Repubblica”, che Davide Rondoni, giornalista del quotidiano “Il Tempo”.
Gli interventi non mirano a sottolineare i comportamenti sbagliati dei ragazzi, sviscerandoli e descrivendoli nei dettagli come ultimamente hanno fatto molti media, calcando sull’accaduto (anche in modo eccessivo indulgendo nella spettacolarizzazione degli avvenimenti), ma ad individuarne le cause.
Da entrambi gli interventi, emerge che il problema non sono i giovani in sé, benché maleducati e superficiali, bensì la famiglia, le istituzioni e chi avrebbe dovuto educarli, quindi la società stessa.
Infatti, i “nuovi genitori” sono troppo permissivi, troppo disposti a proteggere i propri figli e non riescono ad affermare la propria autorità su di loro, mentre la società spinge i giovani al consumismo, crea bisogni molto spesso fittizi, propone loro idoli capricciosi e di dubbia moralità… aggrava insomma la già difficile situazione, facendo abbandonare loro i valori più importanti.
Tutti gli atteggiamenti scorretti dei giovani, come stare ore e ore al cellulare, rivolgersi sgarbatamente alle autorità, maltrattare il prossimo e non curarsi delle persone che li circondano, derivano quindi da una cattiva educazione.
Su questo punto i due giornalisti mi trovano completamente d’accordo, infatti il rapporto adulti - giovani sta diventando sempre più problematico: da entrambe le parti manca la volontà di comunicare e piuttosto che correggere gli atteggiamenti sbagliati dei ragazzi, si tende a legittimarli.
Questo comportamento degli adulti risulta inconveniente non solo per i più vecchi, come gli anziani, i genitori o i nonni, bensì anche per i più giovani (come ha scritto giustamente Augias), i quali sentono il bisogno di un’autorità, ovvero di qualcuno che ponga loro dei limiti, anche a costo di subire qualche punizione.
Se la situazione non cambierà, se i genitori o gli educatori non porranno ai ragazzi dei limiti, i giovani ricercheranno altre persone da rispettare, personaggi dello show – business e superficiali, crederanno nei valori sbagliati e ricercheranno il piacere in cose che non faranno altro che aumentare il loro disagio.
Ed è proprio su questo disagio che, secondo Rondoni, gli adulti e la società si basano per trarre il proprio profitto: questi offrono ai giovani modi per soddisfare i loro capricci, svaghi e passatempi idioti, tutte cose che non occorrono per migliorare la loro vita.
Ciò che occorre è l’appoggio della famiglia, l’affetto dei genitori , l’interessamento della società, ma non della società consumistica, bensì di quella che lavora per offrire ai ragazzi un futuro migliore e di altre associazioni, come la scuola, sula quale bisognerebbe investire di più.

Antonina Kyrpan 4AL
Liceo Statale “Vito Capialbi “
Vibo Valentia

Postato il Tuesday, 22 May 2012 ore 23:00:35 CEST di s-catalano
 
Links Correlati
· Inoltre educazione
· News by s-catalano


Articolo più letto relativo a educazione:
LIFE SKILLS EDUCATION IN SCHOOLS - competenze e abilità per la vita (OMS - 1993)

Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico