Menù Principale
· Home
· Album
· Archivio articoli
· Argomenti
· Calendario
· Cerca
· Contatta l'Amministratore
· Contenuti
· Downloads
· Enciclopedia
· Giochi
· Invia News
· Links a siti utili
· Passaparola
· Profilo Utente
· Sondaggi
· Statistiche
· Top 10
Calendario Eventi
Gennaio 2018
  1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
 Oggi:
 corsi ed all'affettività e alla sessualità
 corsi ed all'affettività e alla sessualità
 Programmazione Primaria

Suggerisci un evento Suggerisci un evento
Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.
Cerca nel sito


In Primo Piano
Nuova pagina 1

· Bullismo e cyberbullismo

· Archivio di "In primo piano"

 

La Scuola
Nuova pagina 1

Uffici Amministrativi

· Conto consuntivo 2009

· Graduatorie d'istituto

· Messa a disposizione infanzia

· Messa a disposizione primaria

· Orario Ata e Coll. Scol.

Utilità e Servizi
Meteo
Rubriche
Nuova pagina 1

· Le parole della scuola

· Salute

· Sicurezza in internet

· Spigolature
Chi è in linea
In questo momento ci sono, 27 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui
Festa dei morti: storia, cultura e tradizioni
Tradizioni e festeIl due novembre, festa che la Chiesa dedica alla Commemorazione dei Defunti, in Sicilia si celebra “lo iornu di li morti”, o più semplicemente “li morti”.
La festa ha origini antiche; civiltà arcaiche già celebravano la festa degli antenati o dei defunti, in un periodo che cadeva proprio tra la fine di ottobre e i primi giorni di novembre, data che sembra riferirsi al periodo del grande Diluvio di cui si parla nella Genesi.
La festa dei morti sopravvivrà alle diverse epoche e culti: dall’antica Roma alle civiltà celtiche, dal Messico e alla Cina, è un proliferare di riti disparati, in cui l’unico comun denominatore è quello di consolare le anime dei vivi celebrando i defunti.
A tal proposito, nel calendario celtico, la cerimonia più importante era proprio quella della “notte di Samhain”, la notte di tutti i morti e di tutte le anime, che si festeggiava tra il 31 ottobre e il 1° novembre.
In epoca cristiana, queste tradizione erano ancora molto presenti: la Chiesa cattolica faticava a sradicare i culti pagani. Così, nel 835 Papa Gregorio II spostò la festa di “Tutti i Santi” dal 13 maggio al 1 novembre, pensando in questo modo di dare un nuovo significato ai culti pagani.
Nel 998 Odilo, abate di Cluny, aggiungeva al calendario cristiano il 2 novembre, festa dei Defunti, data in cui, in memoria dei cari scomparsi, ci si mascherava da santi, da angeli e diavoli e si accendevano falò.
Oggi, in occasione di questa festa, si va al cimitero a trovare i parenti che non ci sono più e magari, portiamo loro dei fiori o dei lumini.
In Italia tale ricorrenza ha usanze differenti nelle varie regioni: in Abruzzo, per esempio, si lascia la tavola apparecchiata e si mettono alla finestra tante candele quanti sono le anime care; in Liguria si preparano bacilli e balletti (fave secche e castagne bollite); in Umbria si cucinano gli “stinchetti dei morti”. E in Sicilia?
Questa festa, nella nostra isola, è molto importante ed ancora oggi si cerca di festeggiarla nel rispetto delle antiche tradizioni che vogliono che la mattina del 2 novembre i bambini cerchino i regali portati durante la notte dai “morti”.
Ma, oltre ai giocattoli, i parenti defunti portano anche dei dolciumi, simboli di questa festa e diventati famosi per la loro bontà: parlo dei “pupi di zuccaro”( anticamente dono del fidanzato alla fidanzata), dei “frutti di Marturana”, dei “taralli”…
E che emozione al mattino, quando non si vede l’ora di alzarsi dal letto e si va in giro per tutta la casa per andare alla ricerca del regalo nascosto in qualche strano posto!
Ma attenzione a nascondere, la sera prima del 2 novembre, la grattugia perché i morti possono venire a grattarci i piedi, soprattutto se ci siamo comportati male.
Così, almeno, dice la nostra tradizione…

Postato il Friday, 28 October 2011 ore 20:44:45 CEST di s-catalano
 
Links Correlati
· Inoltre Tradizioni e feste
· News by s-catalano


Articolo più letto relativo a Tradizioni e feste:
Festa dei morti: storia, cultura e tradizioni

Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico