Menù Principale
· Home
· Album
· Archivio articoli
· Argomenti
· Calendario
· Cerca
· Contatta l'Amministratore
· Contenuti
· Downloads
· Enciclopedia
· Giochi
· Invia News
· Links a siti utili
· Passaparola
· Profilo Utente
· Sondaggi
· Statistiche
· Top 10
Calendario Eventi
Gennaio 2018
  1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
 Oggi:
 corsi ed all'affettività e alla sessualità
 corsi ed all'affettività e alla sessualità
 Programmazione Primaria

Suggerisci un evento Suggerisci un evento
Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.
Cerca nel sito


In Primo Piano
Nuova pagina 1

· Bullismo e cyberbullismo

· Archivio di "In primo piano"

 

La Scuola
Nuova pagina 1

Uffici Amministrativi

· Conto consuntivo 2009

· Graduatorie d'istituto

· Messa a disposizione infanzia

· Messa a disposizione primaria

· Orario Ata e Coll. Scol.

Utilità e Servizi
Meteo
Rubriche
Nuova pagina 1

· Le parole della scuola

· Salute

· Sicurezza in internet

· Spigolature
Chi è in linea
In questo momento ci sono, 24 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui
Progetti: Concorso Green Cross
Ambiente ed ecologia 2009-2010Licciardello Scrive "Egregio Dirigente Scolastico,

con la presente Le invio il tradizionale bando relativo alla XVIII edizione del Concorso Nazionale "Immagini per la Terra", indetto da Green Cross Italia per l'anno scolastico 2009/10.
Il tema di questa edizione è: "Noi Giovani Reporter del Cambiamento Climatico: La Terra cambia, e noi?"
Obiettivo del Concorso è la sensibilizzazione degli studenti alle tematiche ambientali nella specificità che ogni anno lo stesso propone.
Con la speranza che questa iniziativa trovi il Suo sostegno attraverso la sensibilizzazione dei Suoi collaboratori e la partecipazione del Suo istituto Le invio i miei più cordiali saluti.


Anna Gentili
Segreteria Permanente del Concorso
Immagini per la Terra
Via Flaminia, 53
00196 Roma
Tel. +39 06.36004300
Fax. +39 06.36081834
concorso@immaginiperlaterra.it
www.immaginiperlaterra.it


SEGRETERIA PERMANENTE DEL CONCORSO
Immagini per la Terra Tel. 06.36004300 / 06.36004364
00196 Roma – Via Flaminia, 53 Fax 06.36081834 / 06.97251781
Sito web www.immaginiperlaterra.it e-mail concorso@immaginiperlaterra.it
Green Cross Italia Onlus – Ong
sotto
l’Alto Patronato del
PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
con il patrocinio di
Presidente del Senato
Presidente della Camera dei Deputati (in corso di acquisizione)
Presidente del Consiglio dei Ministri
Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (in corso di acquisizione)
Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (in corso di acquisizione)
Ministero degli Affari Esteri (in corso di acquisizione)
Ministero per i Beni e le Attività Culturali (in corso di acquisizione)
Ministero dello Sviluppo Economico
Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (in corso di acquisizione)
Ministro della Gioventù
Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO
Croce Rossa Italiana
nel quadro delle iniziative
di promozione dei principi della
Carta della Terra
di diffusione e sensibilizzazione degli
OBIETTIVI DEL MILLENNIO dell’Organizzazione delle Nazioni Unite
del Decennio dell’Educazione allo Sviluppo Sostenibile proclamato
dall’UNESCO
BANDISCE
per l’anno scolastico 2009-2010
la XVIII Edizione
del Concorso Nazionale Annuale
IMMAGINI PER LA TERRA
Questa iniziativa offre ai docenti l’occasione di progettare percorsi educativi multidisciplinari per approfondire le tematiche ambientali.
Il tema di questa edizione è
NOI GIOVANI REPORTER DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO: LA TERRA CAMBIA, E NOI?
Bando di Concorso 2009-2010 pag.1 di 4
SEGRETERIA PERMANENTE DEL CONCORSO
Immagini per la Terra Tel. 06.36004300 / 06.36004364
00196 Roma – Via Flaminia, 53 Fax 06.36081834 / 06.97251781
Sito web www.immaginiperlaterra.it e-mail concorso@immaginiperlaterra.it
1. FINALITÀ
Il concorso, seguendo un progetto di educazione all’ambiente e allo sviluppo sostenibile, vuole promuovere la sensibilizzazione dei giovani alle tematiche ambientali, facendo acquisire loro competenze e conoscenze traducibili in nuove capacità comportamentali più consapevoli e responsabili.
In supporto a questo progetto, Green Cross Italia ritiene egualmente necessario che i giovani siano stimolati alla conoscenza delle tecniche rudimentali del giornalismo e della comunicazione, per far loro acquisire capacità interpretative dei linguaggi dei differenti mass media e per aiutarli a conquistare una maggiore autonomia critica in un mondo sempre più segnato dell’informazione.
2. DESTINATARI
Il Concorso è riservato agli alunni delle scuole materne e dell’infanzia, della scuola primaria, della scuola secondaria di primo e secondo grado, pubbliche e private, di tutto il territorio nazionale e delle comunità degli italiani all’estero.
3. CLASSI DI CONCORSO
Sono istituite quattro classi di concorso:
1. scuole materne e dell’infanzia
2. scuole primarie (elementari)
3. scuole secondarie di I° grado (medie inferiori)
4. scuole secondarie di II° grado (medie superiori)
4. MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE
1. La partecipazione può essere individuale o di gruppo classe (composto da un numero minimo di 2 ad un numero massimo di 50 partecipanti, anche provenienti da classi differenti).
2. E’ prevista la produzione di elaborati da sottoporre alla giuria del concorso utilizzando le diverse tipologie del linguaggio giornalistico (p.e. la ricostruzione di fatti o avvenimenti attraverso un lavoro di ricerca do*****entale, l’inchiesta, l’esposizione di un proprio punto di vista, la dichiarazione e quant’altro rientri nelle libere scelte di insegnanti e alunni).
3. Gli elaborati possono essere realizzati con i mezzi ritenuti più opportuni (p.e. scrittura, disegno, anche fumettistico, fotografia, video, strumenti multimediali di vario tipo, compresi gli MMS, ecc.).
4. A titolo indicativo suggeriamo, a chi deciderà di partecipare attraverso la scrittura, di non superare la lunghezza massima di un foglio protocollo o di un dattiloscritto di 4500 caratteri.
5. Per il disegno/fumetto, realizzato con qualsiasi tecnica e materiale e utilizzando le scansioni della narrazione fumettistica, si potranno utilizzare tavole del formato massimo di cm 35x50. Sono ammesse le didascalie.
6. Per la fotografia, il materiale inviato non deve oltrepassare le 10 pose, a colori o in bianco e nero. Sono ammesse didascalie.
7. Il filmato video deve avere una durata massima di 20 minuti. Si dovrà spedire una copia della realizzazione in formato DVD.
8. Per le tecniche multimediali, il materiale inviato deve essere contenuto in un unico Cd Rom o DVD e deve essere eseguibile attraverso i browser più diffusi (Internet Explorer, Netscape Navigator, ecc.).
9. Per gli MMS (Multimedia Messaging Service), un massimo totale di 7 MMS a gruppo classe partecipante inviati alla e-mail: concorso@immaginiperlaterra.it corredati di nome della scuola, nome della/e classe/i partecipante/i e n° telefonico della scuola. Inoltre dovrà essere inviata la scheda di progetto didattico.
10. Sono accettati anche numeri monografici dei giornali di classe/scuola – digitali o cartacei - dedicati al tema del concorso.
I LAVORI INVIATI NON VERRANNO RESTITUITI
5. IMPORTANTE
A. Gli insegnanti coordinatori dovranno allegare ai lavori degli allievi la scheda di progetto didattico, da compilare in tutte le sue parti. Agli elaborati devono essere allegati tutti i dati che permettano la rapida identificazione dei partecipanti:
�� scuola di appartenenza con indirizzo completo;
�� nome e cognome e materia di insegnamento del docente che ha coordinato il lavoro;
�� nome e cognome e materia di insegnamento di tutti i docenti e di altro personale che hanno collaborato al lavoro;
�� lista completa degli studenti partecipanti al lavoro, indicandone nome cognome luogo e data di nascita.
B. Più lavori possono pervenire unitamente nello stesso pacco postale, purché siano ben divisi all’interno del suddetto pacco e ciascuno corredato della propria scheda di progetto didattico saldamente fissata al lavoro.
C. La scheda può essere richiesta telefonando alla Segreteria permanente del Concorso, tel. 06.36004300 / 06.36004364, o scaricandola dal sito web www.immaginiperlaterra.it o www.greencross.it
D. Sui siti www.immaginiperlaterra.it e www.greencross.it sarà possibile trovare materiali informativi specifici per l’approfondimento del tema della presente edizione e avere informazioni aggiornate sull’andamento dell’iniziativa.
E. Si predilige la conversione dei lavori in formato digitale per facilitare la pubblicazione dei lavori sulle pagine web.
6. TERMINI DI PRESENTAZIONE
Gli elaborati devono pervenire al seguente indirizzo:
Green Cross Italia Onlus Concorso Immagini per la Terra Via Flaminia, 53 - 00196 Roma
Oppure all’indirizzo mail: concorso@immaginiperlaterra.it
Il termine per le spedizioni degli elaborati è fissato per il 31 Marzo 2010.
In ogni caso non verranno presi in considerazione gli elaborati che saranno recapitati oltre la data del 19 Aprile 2010.
Bando di Concorso 2009-2010 pag.2 di 4
SEGRETERIA PERMANENTE DEL CONCORSO
Immagini per la Terra Tel. 06.36004300 / 06.36004364
00196 Roma – Via Flaminia, 53 Fax 06.36081834 / 06.97251781
Sito web www.immaginiperlaterra.it e-mail concorso@immaginiperlaterra.it
7. ESAME DEI LAVORI PERVENUTI
Gli elaborati verranno esaminati da Commissioni composte da esperti scelti dall’associazione organizzatrice.
I giudizi delle Commissioni esaminatrici sono insindacabili.
8. FASE FINALE E PREMIAZIONE
La cerimonia di premiazione dei vincitori si svolgerà entro il 31 ottobre 2009.
Tutte le informazioni per la partecipazione ad essa saranno tempestivamente comunicate agli interessati.
Saranno proclamati 8 vincitori :
• 2 per scuole materne e dell’infanzia
• 2 per le scuole primarie (elementari)
• 2 per le scuole secondarie di I° grado (medie inferiori)
• 2 per le scuole secondarie di II° grado (medie superiori)
Tutti e 8 i vincitori riceveranno un premio di € 1.000 ciascuno che dovrà essere impegnato a sostegno di iniziative ambientali della scuola di appartenenza.
Ad ogni studente vincitore verrà consegnato un diploma.
Alcune delle opere selezionate potranno essere oggetto di pubblicazione, in forma tradizionale e/o digitale, di cui si darà preventiva notizia agli interessati.
I lavori premiati saranno ospitati sulle pagine web dei siti di Green Cross Italia.
9. LA TERRA CAMBIA, E NOI?
L’espressione cambiamenti climatici, al di fuori della sua connotazione scientifica, è entrata nel linguaggio corrente a rappresentare il complesso delle conseguenze dei problemi e delle dinamiche ambientali che viviamo in questi anni.
Rappresenta in modo semplice e diretto l’unitarietà dei problemi ambientali del nostro Pianeta, del particolare ecosistema che nel corso di trasformazioni epocali ha raggiunto un equilibrio dinamico tale da permettere lo sviluppo della vita di numerose specie, tra le quali la nostra.
Aiuta a comprendere l’assenza di confini naturali per i problemi ambientali e suscita una consapevolezza sull’interdipendenza tra uomo e natura.
Il nostro Pianeta, nel corso dei suoi 4,6 miliardi di anni di vita, ha visto succedersi ere geologiche di varia durata all’interno delle quali, dal punto di vista climatico, si sono registrate notevoli oscillazioni delle temperature; queste hanno determinato i periodi glaciali e temperati.
Nel corso degli ultimi tre secoli con un’accelerazione drammatica nell’ultimo secolo, le attività umane hanno avuto un tale sviluppo da poter essere ritenuti determinanti – attraverso le emissioni di gas serra per l’80% composti da CO2 – nei processi di cambiamento climatico in corso. L’intero sistema sociale, di produzione e di consumo, basato sull’uso di fonti fossili per la copertura della sempre crescente domanda di energia, insieme alla fortissima alterazione nella destinazione dell’uso dei suoli – con la costante perdita di superficie totale forestale – sono i maggiori responsabili di quanto stiamo vivendo.
La concentrazione dei gas serra ha raggiunto livelli mai registrati negli ultimi 650.000 anni.
In Europa, le emissioni di gas serra provengono sinteticamente da diversi settori: il 60% dall’utilizzo dell’energia, il 20% dai trasporti, il 10% dall’agricoltura, l’8% dalle altre attività industriali e circa il 2% dalla cattiva gestione dei rifiuti.
L’alterazione delle condizioni climatiche, con le conseguenze che ne derivano, sta influenzando la vita di tutti noi.
Con la scomparsa di alcune specie animali e vegetali e con il rischio di scomparsa di molte altre, assistiamo a una rapida perdita di biodiversità.
L’aumentare in frequenza di fenomeni atmosferici estremi colpisce anche zone temperate usualmente non investite da questi eventi. Soltanto negli ultimi dieci anni il numero di tempeste, inondazioni, siccità e ondate di calore è stato di 3 volte superiore a quello che si è registrato negli anni ’60. Nella sola estate del 2003 sono state registrate circa 35.000 morti premature a causa dell’ondata di calore. Allo stesso tempo la grande quantità di incendi forestali ha procurato danni ambientali ed economici considerevoli.
Al Polo Nord lo spessore del ghiaccio al di sopra dell’acqua è diminuito del 40% e si è avuta una perdita di superficie del 10%. Nel continente Antartico si stanno manifestando forti instabilità delle masse di ghiaccio che coprono la sua superficie.
Questi fenomeni, che colpiscono fortemente le riserve di acqua dolce presenti sul Pianeta, interessano anche i ghiacciai, che vedono un rapidissimo processo di scioglimento. Si stima che nel corso di pochi decenni i ghiacciai alpini saranno ridotti a poco più del 25% della loro superficie.
Soprattutto sulle coste oceaniche, meno nei bacini chiusi come il Mediterraneo, non marginale è l’innalzamento del livello del mare. Mentre nel corso del secolo scorso abbiamo assistito ad un aumento compreso tra circa 10 e 20 centimetri, in questo secolo, secondo stime ottimistiche – che non prendono in considerazione i rapidi mutamenti in corso nei ghiacciai della Groenlandia e dell’Antartico – si stima che si potranno superare i 60 centimetri. Intere porzioni di territorio abitato e utilizzato per la coltivazione saranno sommersi dalle acque colpendo decine di milioni di persone e obbligandole a migrazioni forzate. Parimenti la possibile interruzione della corrente del golfo, dovuta allo scioglimento dei ghiacciai artici paradossalmente potrebbe generare una microglaciazione nel centro e nord Europa che renderebbe difficilmente praticabile la navigazione con gravissime ripercussioni sull’economia.
E’ giunto il tempo dell’azione. Ognuno può e deve dare il proprio contributo alle misure di mitigazione e di adattamento ai cambiamenti in corso. Questo riguarda i governi, le amministrazioni locali, le imprese, ma anche ogni singolo cittadino. Si chiede ai partecipanti al Concorso “Immagini per la Terra” di raccontare, do*****entare, illustrare quello che è possibile fare, quello che viene realmente fatto e quello che loro stessi fanno per diminuire le proprie emissioni di CO2.
10. INFORMATIVA AI SENSI DELL’ART 13 DEL D. LGS. 196/2003 (PRIVACY)
I dati conferiti in occasione della partecipazione al presente Concorso “Immagini per la Terra”, sono utilizzati esclusivamente da Green Cross Italia onlus/ong per consentire lo svolgimento del Concorso medesimo. Il mancato conferimento avrà come conseguenza l’impossibilità di poter dare corso all’attribuzione dei premi. In ogni momento potranno essere esercitati dagli interessati nei confronti di Green Cross Italia onlus/ong i diritti di cui all’art. 7 del D. Lgs. 196/2003 (la conferma dell’esistenza di dati personali, di conoscerne il contenuto e l’origine; verificarne l’esattezza o chiederne la rettifica; chiederne la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco nel caso siano trattati in violazione della legge; opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento).
Bando di Concorso 2009-2010 pag.3 di 4
SEGRETERIA PERMANENTE DEL CONCORSO
Immagini per la Terra Tel. 06.36004300 / 06.36004364
00196 Roma – Via Flaminia, 53 Fax 06.36081834 / 06.97251781
Sito web www.immaginiperlaterra.it e-mail concorso@immaginiperlaterra.it
Allegato
LA CARTA DELLA TERRA
PREAMBOLO
Per la storia della Terra, l’epoca che stiamo vivendo rappresenta un momento critico in cui l’umanità dovrà scegliere il proprio futuro. A causa della crescente interdipendenza e fragilità che caratterizza il mondo odierno, il futuro porta con sé grandi rischi e insieme grandi promesse. Per andare avanti dobbiamo riconoscere che pur all'interno di una straordinaria varietà di culture e forme di vita siamo comunque un’unica famiglia umana e un’unica comunità terrestre con un destino comune. Dobbiamo unirci per portare avanti una società globale sostenibile fondata sul rispetto per la natura, per i diritti umani universali, per la giustizia economica, e su una cultura della pace. Per raggiungere tale obiettivo, è assolutamente necessario che noi, le Popolazioni della Terra, dichiariamo le nostre responsabilità l’una verso l’altra, verso tutte le altre forme di vita, verso le generazioni future.
La Terra, la nostra casa
L’umanità fa parte di un vasto universo in continua evoluzione. La Terra, la nostra casa, vive attraverso un’unica comunità vivente. Le forze della natura rendono l’esistenza un’avventura difficile e incerta, ma la Terra ha fornito le condizioni necessarie all’evoluzione della vita. La capacità di recupero della comunità vivente e il benessere dell’umanità dipendono dalla preservazione di una biosfera sana con tutti i suoi ecosistemi, di una ricca varietà di piante e animali, di terreni fertili, acque pure e aria pulita. L’ambiente mondiale e le sue risorse non rinnovabili sono una preoccupazione condivisa da tutta l’umanità. La tutela della vitalità, varietà e bellezza della Terra è una responsabilità inviolabile.
La situazione globale
I modelli di produzione e consumo dominanti sono la causa principale del degrado ambientale, dell’esaurimento delle risorse e dell’estinzione a cui sono destinate numerose specie. Le comunità sono vittime di un indebolimento disastroso. I vantaggi dello sviluppo non sono distribuiti equamente e il divario tra ricchi e poveri diventa sempre più profondo. L’ingiustizia, la povertà, l’ignoranza, e i conflitti violenti sono largamente diffusi e causa di grandi sofferenze. Un aumento senza precedenti della popolazione umana ha sovraccaricato i sistemi ambientali e sociali. Le basi della sicurezza mondiale sono minacciate ma queste tendenze, sebbene pericolose, non sono inevitabili.
Le sfide del futuro
A noi la scelta: o una partnership globale con cui prendersi cura della Terra e del prossimo, o il rischio di distruggere noi stessi e tutte le altre forme di vita. Se scegliamo la prima opzione, dobbiamo modificare radicalmente i nostri atteggiamenti, valori e stili di vita. È indispensabile comprendere che una volta soddisfatti i bisogni essenziali, lo sviluppo umano si basa fondamentalmente su una maggiore ricchezza interiore e non su una maggiore ricchezza materiale. Possediamo le conoscenze e le tecnologie adatte per provvedere a tutti e per ridurre il nostro impatto sull’ambiente. L’emergere di una società civile globale sta creando nuove opportunità per costruire un mondo più democratico e umano. Le nostre sfide ambientali, economiche, politiche e sociali sono collegate, e insieme possiamo forgiare soluzioni inclusive.
La responsabilità universale
Per realizzare queste aspirazioni, dobbiamo scegliere di vivere con un senso di responsabilità universale, identificandoci con l’intera comunità terrestre oltre che con le nostre comunità locali. Siamo contemporaneamente cittadini di nazioni diverse e di un unico mondo in cui il locale e il globale sono strettamente connessi. La responsabilità per il benessere presente e futuro della famiglia umana e di tutte le forme di vita spetta ad ognuno di noi. Lo spirito di solidarietà umana e il senso di affinità con le altre forme viventi diviene più saldo quando improntiamo la nostra vita sul rispetto del mistero dell’esistenza, sulla gratitudine per il dono della vita, riconoscendo umilmente il posto che l’uomo occupa nel vasto ordine delle cose.
Ciò di cui abbiamo urgentemente bisogno è una visione comune di un sistema di valori basilari in grado di costituire il fondamento etico dell’emergente comunità globale. Pertanto, condividendo tutti la stessa speranza, affermiamo la necessità dei seguenti principi interdipendenti per uno stile di vita sostenibile e attraverso cui guidare e valutare la condotta di ogni individuo, organizzazione, attività, governo, e istituzione sovranazionale.
PRINCIPI GENERALI
I. Rispettare e prendersi cura della comunità vivente
1. Rispettare la Terra e tutte le forme di vita.
2. Prendersi cura della comunità vivente con consapevolezza, condivisione e amore.
3. Impegnarsi per costruire società giuste, aperte alla partecipazione, sostenibili e pacifiche.
4. Salvaguardare l’abbondanza e la bellezza della Terra per le generazioni presenti e future.
II. Integrità ambientale
5. Proteggere e ripristinare l’integrità dei sistemi ecologici della Terra, prestando particolare attenzione alla biodiversità e ai processi naturali che sostengono la vita.
6. Prevenire i danni ambientali quale miglior mezzo di tutela dell'ambiente e, in caso di conoscenze non sufficienti, applicare un approccio preventivo.
7. Adottare modelli di consumo, produzione, e riproduzione che rispettino e salvaguardino le capacità rigenerative della Terra, i diritti umani e il benessere delle comunità.
8. Sviluppare lo studio della sostenibilità ambientale e promuovere lo scambio aperto e l’ampia applicazione delle conoscenze acquisite.
III. Giustizia Sociale ed Economica
9. La lotta alla povertà come dovere etico, sociale, economico e ambientale.
10. Assicurarsi che le attività economiche e le istituzioni a tutti i livelli promuovano lo sviluppo umano in modo equo e sostenibile.
11. Affermare l’uguaglianza e la parità tra i generi quale presupposto per lo sviluppo sostenibile e assicurare un accesso universale all’educazione, all’assistenza sanitaria e alle opportunità economiche.
12. Difendere il diritto di ogni individuo, senza discriminazioni, a vivere in un ambiente naturale e sociale che sia di sostegno alla dignità umana, alla salute fisica e al benessere spirituale, con particolare attenzione ai diritti delle popolazioni indigene e delle minoranze.
IV. Democrazia, non-violenza e pace
13. Rafforzare le istituzioni democratiche a tutti i livelli, e fornire trasparenza e affidabilità di governo, partecipazione completa ai processi decisionali, e accesso alla giustizia.
14. Integrare nell’educazione formale e nella formazione a vita il sapere, i valori e le abilità necessarie per uno stile di vita sostenibile.
15. Trattare tutti gli esseri viventi con rispetto e considerazione.
16. Promuovere una cultura della tolleranza, non-violenza e pace.
VERSO IL FUTURO
Come mai prima d'ora nella storia dell’umanità, un destino comune ci spinge a cercare un nuovo inizio. Tale rinnovamento è la promessa di questi principi della Carta della Terra: per mantenerla dobbiamo impegnarci ad adottare e promuovere i valori e gli obiettivi della Carta.
Per raggiungere questo scopo, occorre una nuova disposizione mentale e spirituale, un nuovo senso di interdipendenza globale e di responsabilità universale. Dobbiamo usare tutto il nostro potenziale di immaginazione e di ingegno per sviluppare e attuare a livello locale, regionale, nazionale e mondiale la visione di uno stile di vita sostenibile. Il nostro patrimonio culturale e la varietà delle sue forme sono un dono prezioso per tutti noi e le diverse culture sapranno trovare modi peculiari per realizzare tale visione. È nostro dovere approfondire ed estendere il dialogo mondiale da cui ha avuto origine La Carta della Terra, poiché la ricerca comune e continua della verità e della saggezza è fonte di nuove conoscenze ed esperienze.
Nella vita accade spesso di affrontare contrasti tra valori importanti e dover compiere scelte difficili. Nonostante ciò, dobbiamo trovare il modo per armonizzare la diversità con l’unità, l’esercizio della libertà con il bene comune, gli obiettivi a breve termine con quelli a lungo termine. Ogni individuo, famiglia, organizzazione, azienda e comunità ha un ruolo decisivo in questo progetto. Le arti, le scienze, le religioni, le istituzioni educative, i mezzi di comunicazione, le imprese, le organizzazioni non governative e i governi sono chiamati ad offrire la loro creatività, il loro sostegno e la loro guida per raggiungere l’obiettivo. L'azione congiunta di governi, società civile e comunità imprenditoriale è fondamentale per una gestione efficace.
Per poter costruire una comunità globale sostenibile, le nazioni del mondo devono rinnovare il loro impegno nelle Nazioni Unite, adempiere ai propri obblighi in base agli accordi internazionali in vigore, e sostenere l'attuazione dei principi della Carta della Terra con uno strumento giuridicamente vincolante sull’ambiente e lo sviluppo.
Il nostro compito è quello di rendere indimenticabile la nostra epoca per ciò che essa potrà offrire: un nuovo rispetto per la vita, un impegno energico e risoluto a realizzare la sostenibilità, un nuovo impulso alla lotta per la giustizia e la pace, e una celebrazione gioiosa della vita.
Bando di Concorso 2009-2010 pag.4 di 4


"
Postato il Tuesday, 06 October 2009 ore 10:57:14 CEST di s-catalano
 
Links Correlati
· Inoltre Ambiente ed ecologia 2009-2010
· News by s-catalano


Articolo più letto relativo a Ambiente ed ecologia 2009-2010:
Ambientiamoci a Scuola

Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico