Menù Principale
· Home
· Album
· Archivio articoli
· Argomenti
· Calendario
· Cerca
· Contatta l'Amministratore
· Contenuti
· Downloads
· Enciclopedia
· Giochi
· Invia News
· Links a siti utili
· Passaparola
· Profilo Utente
· Sondaggi
· Statistiche
· Top 10
Calendario Eventi
Gennaio 2018
  1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
 Oggi:
 corsi ed all'affettività e alla sessualità
 corsi ed all'affettività e alla sessualità
 Programmazione Primaria

Suggerisci un evento Suggerisci un evento
Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.
Cerca nel sito


In Primo Piano
Nuova pagina 1

· Bullismo e cyberbullismo

· Archivio di "In primo piano"

 

La Scuola
Nuova pagina 1

Uffici Amministrativi

· Conto consuntivo 2009

· Graduatorie d'istituto

· Messa a disposizione infanzia

· Messa a disposizione primaria

· Orario Ata e Coll. Scol.

Utilità e Servizi
Meteo
Rubriche
Nuova pagina 1

· Le parole della scuola

· Salute

· Sicurezza in internet

· Spigolature
Chi è in linea
In questo momento ci sono, 24 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui
Dopo il giorno delle memoria
storia
500.000 esseri umani di etnia rom e sinta sono stati uccisi durante il nazismo e il fascismo, ma inspiegabilmente questo dato è scomparso dalle nostre scuole. Mi chiedo se è forse a questa dimenticanza che si riferiscono tutti quegli italiani che vorrebbero rimettere mano, riscrivere i testi scolastici di storia.

Sì, certamente il revisionismo storico tende a ricucire questa dimenticanza.

500.000 rom e sinti uccisi durante il nazismo e il fascismo, sono stati dimenticati dalla legge n. 211 del 20 luglio 2000: “La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, - Giorno della Memoria - al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio…”.

E’ assai curioso che di 12.000.000 di morti se ne ricordi solo una parte. Non sono mica categorie sindacali da difendere. Se non sbaglio erano i nazisti a dividere e a selezionare.

Sì, certamente chi ha trascritto la legge deve aver dimenticato qualche riga nella penna.

Anche il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel suo intervento in occasione della celebrazione del “Giorno della Memoria” deve aver saltato qualche riga perché anche lui ha dimenticato i rom e i sinti.

Ma anche il Ministro Mariastella Gelmini ha tralasciato di ricordare accanto ai tanti cittadini ebrei morti, i tanti cittadini italiani rom e sinti che pure sono morti in seguito alle leggi razziali.

Sì, certamente anche lei deve aver tralasciato qualche riga del discorso.

Peccato, peccato davvero che il Ministro Roberto Maroni non abbia deciso di intervenire sull’argomento perché lui, ne sono certo, degli zingari non se ne sarebbe di sicuro dimenticato.

* Pino Petruzzelli è autore di Non chiamarmi zingaro (Chiarelettere, 2008)

Postato il Friday, 30 January 2009 ore 09:17:55 CET di adriana
 
Links Correlati
· Inoltre storia
· News by adriana


Articolo più letto relativo a storia:
Dopo il giorno delle memoria

Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico