Mený Principale
· Home
· Album
· Archivio articoli
· Argomenti
· Calendario
· Cerca
· Contatta l'Amministratore
· Contenuti
· Downloads
· Enciclopedia
· Giochi
· Invia News
· Links a siti utili
· Passaparola
· Profilo Utente
· Sondaggi
· Statistiche
· Top 10
Calendario Eventi
Luglio 2018
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
Nessun evento oggi.

Suggerisci un evento Suggerisci un evento
Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.
Cerca nel sito


In Primo Piano
Nuova pagina 1

· Bullismo e cyberbullismo

Archivio di "In primo piano"

 

La Scuola
Nuova pagina 1

Uffici Amministrativi

Conto consuntivo 2009

Graduatorie d'istituto

Messa a disposizione infanzia

Messa a disposizione primaria

Orario Ata e Coll. Scol.

Utilitŗ e Servizi
Meteo
Rubriche
Nuova pagina 1

Le parole della scuola

Salute

Sicurezza in internet

Spigolature
Chi Ť in linea
In questo momento ci sono, 72 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui
News: Il padre di Dolly: inutile la clonazione
scienza

Cellule staminali senza bisogno di embrioni. Riportando indietro l'«orologio biologico » di quelle adulte. Vi sarebbero riusciti ricercatori giapponesi e martedì prossimo il loro lavoro verrà pubblicato su una rivista scientifica. Ma c'è chi sa già tutto e anticipa la rivoluzione. E' il britannico Ian Wilmut, il «papà» della pecora Dolly: il primo mammifero clonato nel 1997 dalla cellula di un altro mammifero adulto. Wilmut, del Roslin Institute di Edimburgo, ha deciso di abbandonare la via della clonazione a scopo terapeutico (aveva il via libera del governo inglese per applicare sull'uomo la tecnica- Dolly) a favore della produzione di cellule staminali con la tecnica giapponese. E lo ha dichiarato al quotidiano Daily Telegraph. E' la grande rinuncia.

Lo scienziato che ha fatto radicalmente cambiare idea a Wilmut è il «rivale» giapponese Shinya Yamanaka, dell'università di Kyoto, il quale con la sua équipe avrebbe creato cellule staminali a partire da pelle di topo senza toccare gli embrioni. Yamanaka sarebbe già riuscito anche con cellule umane. Come ha fatto? Lui stesso lo ha illustrato mesi fa a Toronto (Wilmut era presente), durante un meeting della International Society for Stem Cell Research: avrebbe individuato quattro geni chiave («silenziati» nelle cellule adulte) che sono invece attivi a livello embrionale. Quando le staminali si moltiplicano «totipotenti», cioè in grado di diventare ogni tipo di cellula specializzata: sangue, neuroni, muscoli, ossa, cuore, fegato, occhi, pelle. Insomma tutto. Studiando proprio gli embrioni, Yamanaka ha individuato i geni: Oct4, Sox2, c-Myc, e un misterioso quarto (tenuto per ora segreto) che sarebbe un fattore di trascrizione. Spiega: «Un gene che non si pensava avesse un ruolo così importante per le staminali». Poi ha fatto geni- copia e ha visto che messi insieme a cellule adulte di pelle di topo (e sembra anche nell'uomo) riuscivano a spostare indietro l'orologio biologico: da cellule adulte a staminali embrionali direttamente in coltura.

Se così è, da poche cellule della pelle di un paziente si potrebbe avere una sorgente praticamente inesauribile di staminali per «pezzi di ricambio » di ogni tipo. Il primo passo: neuroni nuovi per curare Alzheimer e Parkinson, cellule del pancreas per guarire il diabete di tipo I, neuroni motori per bloccare la Sla. Il tutto senza toccare gli embrioni. Per Wilmut è la svolta: «Ho deciso di non continuare con la tecnica del trasferimento del nucleo, utilizzata per Dolly. La nuova via di ricerca è accettata socialmente ed è estremamente appassionante». Insomma: clonazione a fini terapeutici addio.

Mario Pappagallo

 

Postato il Wednesday, 21 November 2007 ore 00:31:42 CET di s-catalano
 
Links Correlati
· Inoltre scienza
· News by s-catalano


Articolo più letto relativo a scienza:
ISS - Insegnare Scienze Sperimentali

Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico

Argomenti Correlati

salutetecnologia